Banner

Le Giornate FAI di Primavera, un salto nel passato della nostra scuola

La scuola “Borsellino” è stata protagonista delle Giornate FAI di Primavera del 23 e 24 marzo. Ha aperto le sue porte alla città e oltre mille persone hanno varcato l’ingresso di corso Matteotti per scoprire la storia dell’edificio grazie al racconto degli alunni “ciceroni”, aiutati dagli studenti del Liceo artistico “Mannucci”. Un viaggio, quello proposto ai visitatori, nel presente, fra le aule della scuola “Borsellino”, e nel passato, negli ambienti, ricostruiti con disegni e manufatti, dell’ex Conservatorio delle fanciulle povere della Divina Provvidenza. La presentazione da parte dei “ciceroni” è stata il frutto di un lungo lavoro di ricerca e di interviste con quanti hanno vissuto nella struttura.

Le interviste

La nostra scuola circa trenta anni fa era un orfanotrofio per bambini/e e ragazzi/e senza famiglia. Le suore gestivano l’orfanotrofio e la scuola insieme. Le religiose non erano tutte molto accoglienti e amorevoli, solo suor Maria era ricordata come la suora più buona. Corrada e Alfredo Ceccacci sono due fratelli cresciuti nell’Orfanotrofio, il 18 febbraio 2019, sono venuti a scuola a raccontare la loro storia di vita.

Leggi tutto

Uscita degli alunni del Laboratorio di giornalismo in centro storico, fra cantieri, muri imbrattati ma anche scorci di grande bellezza

Muri incrostati e imbrattati, marciapiedi rovinati, strade rappezzate con toppe di catrame, cantieri in pieno centro, palazzi in decadenza. Tutto questo l’abbiamo potuto vedere durante l’uscita del 7 febbraio scorso organizzata dalle insegnanti del nostro corso di giornalismo. Siamo partiti dalla nostra scuola e, proseguendo per Corso Matteotti, abbiamo fotografato diversi luoghi di degrado a Jesi. Il primo è stato il retro del vecchio ospedale, dove i muri sono stati imbrattati e si possono vedere finestre rotte e sigarette a terra.

Leggi tutto

La Polizia postale alla "Borsellino" per parlare dei pericoli per i giovani: dal bullismo alla droga

Come difendersi dal bullismo e dal cyberbullismo? Lo ha raccontato la Polizia postale di Ancona ai ragazzini delle classi seconde della scuola secondaria di primo grado “Paolo Borsellino”. Il 20 febbraio 2019 il dirigente del Commissariato ha iniziato l’incontro con un video dell’attrice Paola Cortellesi sul bullismo nelle scuole. Da quelle immagini ha iniziato a parlare del problema e a fornire alcuni dati sulla situazione in Italia e nelle Marche.

Leggi tutto

Incontro con Francesco Vintrici, autore della fiaba “Carlo cuor di coraggio” ispirata a Urbani

Sapete che c’è un collegamento tra Carlo Urbani, Peter Pan, Spiderman e Papa Francesco? A farcelo scoprire è stato Francesco Vintrici, l’autore della fiaba “Carlo cuor di coraggio”, ispirata alla figura di Carlo Urbani. Lunedì 20 Febbraio ha incontrato, presso la scuola Savoia di Jesi, gli alunni e le insegnanti delle cinque classi prime e ha parlato della vita di Urbani, il famoso medico nato a Castelplanio nel 1956 e morto nel 2003 in Vietnam contagiato dalla SARS. Urbani ha dato la vita per trovare la cura a questa malattia della quale alla fine si è ammalato. Nel libro viene rappresentato come un re per il suo coraggio nel sognare in grande. Questo racconto è stato scritto da Vintrici grazie alla richiesta di una maestra di Ancona, per collaborare ad un progetto sulla memoria  del medico Carlo Urbani.

Leggi tutto

Una giornata in Ancona alla Rai e alla mostra di McCurry

“Rai Porte Aperte”, questo è il progetto a cui abbiamo partecipato noi ragazzi di terza media del laboratorio di giornalismo della scuola Savoia di Jesi. L’iniziativa rappresenta un’opportunità per far conoscere ai ragazzi quello che accade dietro le quinte di un telegiornale, in questo caso il TGR Marche, che vediamo tutti i giorni in televisione, su Rai3. Venerdì 28 aprile siamo stati accompagnati dalla nostra professoressa di giornalismo e da un’altra insegnante di italiano alla redazione Rai di Ancona. Inizialmente abbiamo visitato lo studio dove girano il telegiornale facendo anche delle foto. Questa è stata la cosa che ci ha colpito di più avendolo visto per la prima volta dal vivo.

Leggi tutto

  • 1
  • 2